Accesso ai servizi

Minoranze Linguistiche

La Legge dello Stato italiano 15 dicembre 1999, n. 482, in applicazione dell’articolo 6 della Costituzione, ha riconosciuto, tra le altre, la minoranza linguistica occitana in Italia.
Tale legge ha previsto che fossero le comunità linguistiche locali a dichiararsi appartenenti alla singola minoranza, prevedendo, tra l’altro, che fossero i consigli dei comuni a promuovere tale riconoscimento da parte dei consigli provinciali.

La Regione Piemonte, ben prima del 1999, aveva già identificato la minoranza di lingua occitana e per questa, come per altre, da molti anni aveva riservato e riserva tuttora risorse e contributi per la promozione della lingua e della cultura. Tuttavia il riconoscimento dello Stato assume un’importanza particolare, poiché dà attuazione ad un principio fondamentale della Costituzione ed inserisce anche i cittadini di lingua occitana in Italia nel novero delle minoranze linguistiche europee riconosciute e, di fatto, li unisce pienamente ai cittadini di lingua occitana in Francia e Spagna.

Lo Stato in questi anni ha inteso destinare le risorse di bilancio messe a disposizione dalla legge 482/1999 alle istituzioni locali e a quelle scolastiche.

La Regione Piemonte ha ora in atto il progetto "Coutivar paroles" per dar rilievo e visibilità alle minoranze che caratterizzano il territorio regionale: l'Occitano, il Francoprovenzale, il Francese e il Walser.
Non solo solamente lingue, ma tradizioni di una comunità.
Uno dei prodotti del progetto è la vetrina online, liberamente fruibile, che mette a disposizione differenti conoscenze: dalla musica, alla letteratura, all'architettura, ai prodotti gastronomici tipici.
Questo portale interattivo, minoranzelinguistiche.regione.piemonte.it, vi darà la possibilità di arricchirvi!

L'Unione Montana Valle Grana, operando con delega dei comuni, ha ottenuto questi finanziamenti.
Iniziative culturali sul territorio, cartellonistica e segnaletica, libri, musiche vengono realizzati in stretta convenzione con l'Ecomuseo Terra del Castelmagno.
Lo sportello locale e i corsi di lingua sono invece garantiti grazie alla collaborazione con Espaci Occitancon sede a Dronero.